martedì 29 novembre 2011

OLTRE IL MIO VETRO





Ho aspettato fino all'ultimo perché speravo di riuscire a fotografare le montagne innevate, ma purtroppo la neve non è ancora arrivata, questa finestra è quella da cui mi piace di più guardare fuori, vedo le montagne che all'ora del tramonto diventano rosa e quando sono coperte di neve sono ancora più belle! In primavera poi i campi sono belli verdi e qualche volta hanno anche piantato i girasoli, era una vera bellezza la mattina aprire la finestra e vedere quei bellissimi colori ... facevano iniziare bene la giornata!

Partecipo a


venerdì 25 novembre 2011

ANCORA ZUCCAAAAAAAAA



CROSTATINE CON CHANTILLY DI ZUCCA E CROCCANTE DI PISTACCHI




Per la frolla:

50 g di burro morbido
40 g di zucchero a velo
1 uovo
160 g di farina
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito in polvere
1 cucchiaino di scorza di limone grattuggiata


Montiamo bene il burro con lo zucchero, poi aggiungiamo l'uovo e quando sarà ben amalgamato aggiungiamo un po' alla volta la farina con il lievito, la scorza ed il pizzico di sale. Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo raffreddare in frigo per un'oretta almeno.


Per la chantilly alla zucca:

100 g di zucca mantovana cotta a vapore
140 g di panna fresca
30 g di zucchero a velo

Prepariamo la crema passando la zucca nello schiacciapatate o in un mixer in modo da ottenere una crema omogenea, montiamo la panna con lo zucchero a velo ed amalgamiamo delicatamente il tutto. Conserviamo in frigo.


Per il croccante di pistacchi:

35 g di zucchero
5 g di acqua
30 g di pistacchi di bronte

inoltre
del buon cioccolato fondente

In una casseruola mettiamo zucchero ed acqua, mettiamo sul fuoco e lasciamo fino a quando il caramello inizierà a colorire, a questo punto uniamo i pistacchi, amalgamiamo bene per qualche istante e poi versiamo il croccante su carta da forno leggermente unta, lasciamo raffreddare.

Riprendiamo la frolla, tiriamola dello spessore di 5 mm circa, tagliamo con un coppapasta e mettiamo le forme ottenute in degli stampini da muffin imburrati ed infarinati, bucherelliamo ed fioriamo a 180° per un quarto d'ora circa, quando saranno fredde spennelliamo con del buon cioccolato fondente fuso e lasciamo rapprendere.

Mettiamo la chantilly in una sacca-a-poche e decoriamo le tartellette, spezzettiamo il croccante e posizioniamo un pezzetto su ogni tartelletta .... pronti per assaggiare questo esperimento?!??!





giovedì 24 novembre 2011

CREMA DI ZUCCA CON CESTINO CROCCANTE DI CAVOLO NERO





Crema di zucca con cestino croccante di cavolo nero



Per la vellutata:
500 g di zucca mantovana cotta a vapore
670 g di brodo vegetale
sale e pepe
curry
zenzero

Per il cavolo nero stufato:
160 g di cavolo nero
1 scalogno
340 g di acqua
sale e pepe
olio

Per i cestini di frico croccante:
150 g di parmigiano grattuggiato


Puliamo il cavolo nero e affettiamolo sottilmente, facciamo lo stesso con lo scalogno, facciamo saltare quest'ultimo in un filo d'olio e poi aggiungiamo il cavolo nero, dopo qualche minuto copriamo con l'acqua, saliamo e facciamo stufare a fuoco basso per un'oretta.

A questo punto, dopo aver cotto a vapore la zucca, frulliamola con un minipimer assieme al brodo vegetale, saliamo, pepiamo ed aggiungiamo una bella presa di curry e di zenzero, lasciamo sobbollire per qualche minuto.

Ora prepariamo i cestini, mettiamo una piccola padella antiaderente sul gas e facciamola scaldare, a questo punto copriamo il fondo con il parmigiano grattugiato, quando inizierà a prendere colore, aiutandoci con una paletta di legno o una pinza, prendiamolo delicatamente e mettiamolo sopra ad un bicchiere in modo da fargli prendere la forma di cestino, raffreddandosi diventerà croccante.

Possiamo quindi preparare i piatti versando la zuppa e decorando con i cestini riempiti di cavolo nero, un giro di buon olio e.v.o. ed una grattugiata di pepe lungo del bengala e ..... pronti in tavola!!!

Il sapore della zucca assieme alle spezie a mio parere è davvero buono e dà alla zuppa una marcia in più! Come ho detto altre volte io prediligo la zucca mantovana perché è molto meno acquosa delle altre ed inoltre ha un sapore caratteristico dolciastro ma molto delicato. In ogni caso si può ovviamente usare il tipo di zucca che piace di più, varierà un po' la quantità di brodo vegetale in base alla consistenza della zucca che scegliamo.



Con questa ricetta vorrei partecipare a:



mercoledì 23 novembre 2011

BABA' ALLA ZUCCA CON CHANTILLY DI RICOTTA E MOSTARDA DI AGRUMI










Accipicchia, il nome è un pochino lungo, ma non sapevo cosa omettere per accorciarlo, così ...

BABA' SALATO ALLA ZUCCA CON CHANTILLY DI RICOTTA E MOSTARDA DI AGRUMI

Ecco cosa ci serve:

100 g di farina 0
100 g di farina manitoba
180 g di uova
120 g di zucca (mantovana) cotta a vapore
80 g di burro
15 g di zucchero
20 g di sale
20 g di lievito di birra

Dopo aver cotto la zucca schiacciamola con una forchetta in modo da renderla una crema, anche se rimane qualche piccolo pezzetto non importa, mettiamola nella planetaria assieme alle farine, allo zucchero ed al lievito sciolto in un cucchiaio di acqua tiepida, avviamo e dopo qualche istante aggiungiamo poco alla volta le uova, lasciamo incordare; infine uniamo il burro morbido e per ultimo il sale. L'impasto dovrà risultare lucido e molto appiccicoso.
A questo punto mettiamo negli stampini e lasciamo lievitare fino al raddoppio, servirè circa un'ora e mezza.



Trascorso tale tempo inforniamo a 180° per una quindicina di minuti, facciamo la prova stecchino per essere sicuri del grado di cottura, una volta pronti togliamo dal forno e lasciamo intiepidire prima di toglierli dagli stampini.




Prepariamo intanto la chantilly:

120 g di ricotta di capra
120 g di formaggio cremoso
sale e pepe

mostarda di agrumi

Facciamo scaldare leggermente il formaggio cremoso nel microonde, uniamo poi la ricotta, saliamo e pepiamo e sbattiamo bene con le fruste in modo da ottenere una bella crema omogenea. Mettiamo in frigo per una mezz'ora.

Terminiamo ora i babà: tagliamoli a metà, farciamoli con la crema e decoriamoli con la mostarda di agrumi.

Pronti per essere serviti ...




Con questi sfiziosi babà vorrei partecipare a:




martedì 22 novembre 2011

I CINQUE ANNI DELLA MIA PICCOLINA ....


..... INTANTO VI LASCIO QUALCHE FOTO ...





Con questa torta vorrei partecipare 














lunedì 14 novembre 2011

CANTUCCI CIOCCOLOSI









CANTUCCI AL CACAO E PISTACCHI

2 uova
160g di zucchero
160 g di farina 00
2 cucchiaini di lievito vanigliato
40 g di cacao amaro
160 g di pistacchi di bronte
fava tonka

Mettiamo nella planetaria le uova, avviamo e uniamo lo zucchero, lasciamo andare fino a quando avremo un composto bello gonfio e spumoso, a questo punto uniamo la farina setacciata assieme al lievito, per ultimi uniamo ora i pistacchi amalgamando in modo che il composto sia uniforme.
Rivestiamo di carta forno una teglia, spolveriamo con della farina e formiamo dei cilindri tenendo le mani infarinate in modo che l'impasto non si appiccichi troppo. Inforniamo a 200° per 15 minuti, togliamo dal forno, tagliamo in diagonale in modo da formare i cantucci e rimettiamoli quindi in forno per alcuni minuti per completare la tostatura.
Lasciamoli raffreddare e gustiamoceli ..... magari accompagnati ad una deliziosa tazza di cioccolata CIOCCOLOSO ANTONELLI alla banana!!!!!!!!! Gnam .....


sabato 12 novembre 2011

INIZIANO LE PROVE ....


.... PER IL MENU DI NATALE .... CHE NE DITE DI QUESTE PALLINE?


PALLINE FORESTA NERA




Sono delle piccole mezze sfere fatte con la base delle tortine al cioccolato che piacciono tanto alla mia bimba (e non solo!!!), scavate leggermente con lo scavino, imbevute di sciroppo di amarena e poi ..... ecco cosa ci serve:

110 g di farina
65 g di zucchero
35 g di cacao amaro
1/2 bustina di lievito vanigliato
1 pizzico di sale
1 uovo
60 g di latte
35 g di olio e.v.o.

inoltre
panna montata leggermente zuccherata
amarene
sciroppo di amarena

Mettiamo in una terrina la farina assieme al cacao, allo zucchero, al lievito, ed al sale, quindi amalgamiamo il tutto. In un altro contenitore mettiamo invece l' uovo assieme all'olio, diamo una bella sbattuta con una frusta e versiamo sugli ingredienti secchi, iniziamo ad amalgamare e poi versiamo anche il latte.
Quando il composto sarà omogeneo versiamo nelle mezze sfere ed inforniamo in forno già caldo a 180° per una decina di minuti scarsi, dipende dalla grandezza delle vostre sfere, quelle che ho io sono abbastanza piccole, quindi come sempre è meglio fare la prova stecchino.

Quando si saranno raffreddate un po' tagliamole per livellarle in modo che unite due a due siano ben sferiche, poi con l'aiuto di uno scavino facciamo delle piccole "fossette", bagnamole bene con dello sciroppo di amarena, mettiamo quindi nelle "fossette un po' di panna montata leggermente zuccherata, poi un'amarena, dell'altra panna e quindi chiudiamole due a due.






A questo punto per terminare i nostri dolcetti dobbiamo bagnarli anche esternamente con dell'altro sciroppo di amarena e decorarle a nostro piacimento con panna montata e confettini. Questa volta ho voluto fare una cosa neutra, al più presto proverò a riproporli un po' più colorati, l'effetto comunque mi è piaciuto molto!





Con questo dolcetto natalizio vorrei partecipare a