venerdì 26 febbraio 2010

UN'ALTRA IDEA DI RIPIENO SALATO! GNAM . . . .


BROCCOLETTI, SALSICCIA, RICOTTA E PARMIGIANO

Ecco un'altra idea per farcire questa buonissima brioches dolcesale, ho aperto il frigo e con quello che avevo a disposizione ho fatto questo composto che è risultato molto azzeccato!
Ecco quello che avevo: 1 BROCCOLETTO COTTO A VAPORE, 1 SALSICCIA, 200 g circa DI RICOTTA MORBIDA, PARMIGIANO GRATTUGGIATO q.b.

Ho sminuzzato la salsiccia e l'ho fatta rosolare in padella, quando è diventata bella abbrustolita ho tolto un po' del grasso che aveva perso ed ho aggiunto i broccoletti fatti a piccoli pezzetti, ho lasciato quindi insaporire per qualche minuto regolando di sale. Ho lasciato raffreddare leggermente e poi ho aggiunto la ricotta ed il parmigiano.
Direi che questo ripieno può essere utilizzato, oltre che per condire una buona pasta, per farcire dei crostini abbrustoliti, per una torta salata, per delle lasagne . . . . è veramente gustoso ma allo stesso tempo delicato per la presenza della ricotta.
Non rimane che provare . . . .

martedì 23 febbraio 2010

CREMA PASTICCERA


Ecco la ricetta base per una buona crema pasticcera, con questa dose ne vengono circa 380 g:
250 g di latte intero
75 g di tuorli
60 g di zucchero
20 g di maizena
1/2 bacello di vaniglia

Montiamo molto bene con una frusta o meglio nella planetaria i tuorli con lo zucchero fino a quando il composto risulterà molto spumoso e chiaro, aggiungiamo quindi anche la maizena; nel frattempo facciamo scaldare fino a bollore il latte con i semi della vaniglia e versiamo quindi il composto sopra il latte bollente continuando a mescolare fino a quando la crema inizia ad isspessirsi e a bollire, a questo punto versiamo subito in un recipiente freddo e mescoliamo un po' per farla raffreddare il più velocemente possibile. Ora possiamo usare la crema per tutte le preparazioni che vogliamo.

UNA GODURIOSA CREMOSITA'




Se qualcuno ha voglia di coccolarsi un pochino e impazzisce per i dolci cremosi, direi che non può rinunciare a questa prelibatezza. Sempre dal libro "Tiramisù e chantilly" con qualche piccola modifica.
Si tratta di una coppa di "PROFITEROLES TIRAMISU' " composta da bignè ripieni di crema al caffè e ricoperti da una crema al mascarpone con una bella spolverata di cacao.
Prepariamo la crema al caffè, ci servirà:

50 g di caffè espresso
1 cucchiaino di caffè solubile
6 g di colla di pesce
500 g di panna da montare
250 g di crema pasticcera

Per prima cosa mettiamo a bagno la colla di pesce, prepariamo il caffè e poi prepariamo la crema pasticcera che trovate nella sezione creme. Facciamo sciogliere il caffè solubile nel caffè normale ed aggiungiamo anche la colla di pesce, amalgamiamo quindi alla crema pasticcera, montiamo la panna e uniamo delicatamente le due preparazioni. Procediamo con la crema al mascarpone:

250 g di panna leggermente sbattuta
250 g di mascarpone
150 g di crema pasticcera

Per preparare questa crema basta solamente amalgamare delicatamente i tre ingredienti.

A queto punto non ci rimane altro da fare che preparare i bignè, prepariamo ciò che ci serve:

190 g di uova
110 g di acqua
100 g di burro
100 g di farina
sale

Portiamo a bollore l'acqua con il burro ed il sale, uniamo poi tutta la farina e lasciamo sul fuoco mescolando fino a quando il composto non rimarrà più attaccato alle pareti della casseruola, trasferiamo poi il composto nella planetaria e facciamolo raffreddare mescolando per un paio di minuti, uniamo poi un po' alla volta le uova.
Con una siringa modelliamo i bignè sulla placca del forno imburrata. Nel frattempo avremo scaldato il forno a 220°, inforniamo quindi per 18 minuti circa, qui bisogna andare un po' a occhio perchè dipende dal forno, comunque dovranno essere leggermente dorati.
Quando si saranno raffreddati li riempiamo con la crema al caffè, li tuffiamo quindi nella crema al mascarpone e componiamo il nostro profiteroles come più ci piace. Al termine una bella pioggia di cacao.
Ecco a voi, leggendola ci si spaventa un po' perchè sembra eccessivamente laboriosa, invece secondo quando la si prova non è così "tremenda" come sembra, con un po' di organizzazione e scorre via che è un piacere . . . . . . ne vale comunque la pena!!!!!

BRIOCHES DOLCESALE

Ecco la ricetta base della brioches dolcesale di:
250 g di farina
125 g di latte
5 g di malto
6 g di lievito di birra disidratato
20 g di zucchero
5 g di sale
50 g di tuorli
50 g di burro

Sciogliere il lievito nel latte assieme allo zucchero, versarli sulla farina ed il malto ed iniziare ad impastare, aggiungere gradualmente i tuorli, il burro ammorbidito ed il sale; impastare bene fino a che il tutto diventa elastico e omogeneo. Far riposare coperto per 20 minuti circa.
Ecco l'impasto prima e dopo il riposo:

A questo punto quindi procedere in base alla ricetta scelta.

Da "Croissant e biscotti"

lunedì 22 febbraio 2010

. . . SOFFICI . . . FRAGRANTI . . . PROFUMATE . . .

Con queste giornate uggiose, il profumo di qualcosa di buono che si diffonde per tutta la casa secondo me è l'unica cura per l'anima e per l'umore, così ecco l'esperimento di oggi.
Tenete buona la ricetta della brioches dolcesale che trovate nella sezione "Lieviti salati", per il ripieno invece ci servirà:

250 g di ricotta (meglio se di pecora)
125 g di spinaci lessati e strizzati
35 g di Parmigiano
1 uovo
10 g di maizena
sale e pepe

Il procedimento non potrebbe essere più semplice: basta amalgamare tutti gli ingredienti.

A questo punto, dopo aver lasciato riposare la pasta per 20 minuti circa dobbiamo stenderla formando dei rettangoli stretti e lunghi, disponiamo poi il ripieno formando dei filoncini.
Pieghiamo quindi la pasta sigillandola sul lato e poi giriamo questi filoncini con la chiusura verso il basso, l'ultimo passo che faremo è quello di tagliarli in tanti trancetti della lunghezza preferita, lasciamo lievitare fino a quando non saranno raddoppiati, intanto scaldiamo il forno a 190°. Prima di infornare spennelliamo con un composto fatto da 1 tuorlo e la stessa quantità di panna e spolverizziamo con dei semi di sesamo.
In forno per circa 15 minuti, dipende poi dalla grandezza scelta.
Non si può spiegare a parole la bontà ed il profumo di queste brioches appena sfornate, bisogna solo provare . . . .
. . . dimenticavo ho preso spunto sempre dal libro "CROISSANTI E BISCOTTI" di Luca Montersino.

giovedì 18 febbraio 2010

ESPERIMENTO BIBANESI


Quando li ho visti non ho resistito, ho dovuto a tutti i costi profare a farli, il risultato direi che mi ha soddisfatta molto anche se la prossima volta dovrei provare a tenere la temperatura del forno un po' più bassa così che risultino di colore un po' più chiaro; la ricetta l'ho presa dal blog "Muffin, cookies e altri pasticci".
Ecco quindi come li ho fatti: prepariamo gli ingredienti
400 g di farina
180 g di acqua
50 g di olio
30 g di strutto
12 g di lievito di birra
8 g di sale
1 cucchiaino di malto

Far sciogliere nell'acqua tiepida il lievito ed il malto, mettere nella ciotola dell'impastatrice la farina, aggiungere il composto preparato ed iniziare quindi ad amalgamare, aggiungere poi il resto degli ingredienti ed impastare ancora fino a quando l'impasto sarà morbido ma non appiccicoso. A questo punto chiudere ermeticamente e lasciare riposare per mezz'ora circa.
Passati i 30 minuti riprendere la pasta ottenuta e formare i bibanesi facendo prima dei lunghi grissini e tagliandoli poi della lunghezza desiderata, se si vuole si può anche passarli nei semi di sesamo, fatto questo lasciamoli riposare ancora per 1 ora scarsa.
Accendiamo il forno a 180°, quando è arrivato a temperatura inforniamo, teniamoli d'occhio e quando avranno preso colore (25 min. circa), abbassiamo il forno a 150° e lasciamoli ancora 10 minuti. Poi spegnamo il forno, apriamo la porta e lasciamoli raffreddare lì. Buoni, buoni, buoni!!!

mercoledì 17 febbraio 2010

CREMA DI SEDANO RAPA E BACON CROCCANTE


Visto che il freddo non ci lascia, perchè non scaldarci con un'altra buona zuppetta?
Il sedano rapa è una delle poche verdure che, diciamo così, ho quasi sempre snobbato perchè non sapevo cosa potevo fare con lui, fino a che non ho trovato una ricettina interessante sul libro "Bicchieri golosi" che poi ho modificato secondo le mie esigenze.Anche questa è molto semplice e gustosa, ci basterà:

1 sedano rapa
latte q.b.
qualche fettina di bacon
brodo vegetale

Le dosi sono un po' approssimative perchè l'ho sempre fatta un po' a caso, comunque, basta pulire il sedano rapa e tagliarlo a piccoli cubetti, sistemarlo in una casseruola e coprirlo con il latte, metter nella padella anche 2 o 3 fettine di bacon, sale ed un po' di brodo vegetale, accendere il gas e lasciare cuocere fino a quando il sedano risulta tenero. A questo punto frullare il tutto con un mixer ad immersione.
Far abbrustolire in padella il bacon che dovrà risultare croccante. Ora non rimane altro da fare che versare nei piatti, decorare con una fettina di bacon, olio e pepe e gustarsi questa profumata zuppetta. Buon appetito a tutti!!!

martedì 16 febbraio 2010

CREMA ZABAIONE


Ecco qua la ricetta di un buon zabajone per le frittelle ripiene che avevo già postato nella sezione carnevale:

50 g di tuorli
60 g di zucchero
15 g di farina
70 g di marsala

Montare i tuorli con lo zucchero e, sempre montando, aggiungere anche la farina, nel frattempo scaldare il marsala; trasferire il composto in una casseruola e versarvi sopra il marsala bollente facendo cuocere fino a quando inizia a bollire, a questo punto trasferire in una ciotola ben fresca perchè il tutto si raffreddi più velocemente possibile.
Questa crema si può usare così o se si preferisce alleggerirla con della panna montata, è ottima sia per riempire frittelle, sia per bignè, sia per farcire torte.

lunedì 15 febbraio 2010

CUCCHIAIO O BICCHIERE, STESSO CONTENUTO DOPPIA VERSIONE

Oggi un antipasto facile, veloce e di effetto.



BICCHIERINO CAPRINO MELA PETTO D'ANATRA


Gli ingredienti sono tutti nel titolo, ci servirà del caprino , delle mele verdi e del petto d'anatra affettato. Le dosi sinceramente le faccio sempre un po' a caso, diciamo a occhio in relazione a quanti ne devo fare ed alla grandezza dei bicchierini o dei cucchiai.
La composizione e davvero semplice, prima di tutto spelare la mela, tagliarla a pezzetti e farla cuocere coperta nel forno a microonde per 2 minuti, nel frattempo sbattere con una frustina il caprino con un goccio di latte, se si vuole "alleggerire" un po' il gusto del caprino basta aggiungere un po' di formaggio spalmabile e amalgamare bene.
A questo punto siamo pronti per comporre, sul fondo sistemare una cucchiaiata di crema appiattendola un po', poi uno strato di mele cotte e per finire una fettina di petto d'anatra.
Se si vuole una macinata di pepe e siamo pronti per portarlo in tavola. Il contrasto dei sapori è veramente molto piacevole, tutte le volte che li ho proposti hanno avuto successo.
Per questa ricetta ho preso spunto dal libro "Bicchieri golosi".
Buon pomeriggio!!!

domenica 14 febbraio 2010

I MIEI BACI DI S.VALENTINO



Ecco la brutta copia dei Baci Perug....!!!!
Stavo per comprarli per il mio amore, quando mi sono detta: perchè non provare farli? Così, detto fatto eccoli qua.
Questa che vi scrivo adesso non si può nemmeno chiamare ricetta perchè ho fatto tutto un po' a caso, comunque ecco come ho fatto: ho preparato una ganache facendo fondere della cioccolata fondente assieme a della panna (la quantità della panna deve essere la metà del peso della cioccolata) quando questo composto si è raffreddato l'ho montato con il frullatore a fruste per alcuni secondi aggiungendo qualche cucchiaiata di nocciole tritate. A questo punto fare su un foglio di carta oleata tanti mucchietti tondi ed aggiungerci sopra una nocciola tostata, mettere in frigo a raffreddare. Nel frattempo far fondere del cioccolato fondente, prendere i baci e tuffarli nella cioccolata fusa, metterli a sgocciolare su una gratella, appena si sono solidificati avvolgere in pezzettini di carta stagnola. Direi che come sapore sono venuti abbastanza simili agli originali e sono veramente semplici e veloci.
Buon S. Valentino a tutti!!!

venerdì 12 febbraio 2010

BRIOCHES SALATE RIPIENE





In questi giorni sono in vena di esperimenti, e così, siccome il mio angioletto non sta' bene, tra una coccololina e l'altra sono riuscita a sperimentare anche questa fantastica pasta brioches salata, ripiena di uno strepitoso ragù di pollo; la ricetta l'ho presa sempre da quel mitico libro di Luca Montersino che si intitola " CROISSANT E BISCOTTI" .
Prima di tutto prepariamo il ripieno, ecco cosa ci serve:

200 g di petto di pollo macinato o tagliato a piccoli pezzetti
200 g di soffritto (carota, cipolla e sedano)
1 rametto di rosmarino
125 g di polpa di pomodoro
vino bianco per sfumare
olio q.b.
20 g di parmigiano grattuggiato
100 g di mozzarella

Far soffriggere le verdure, poi aggiungere il pollo, quando è rosolato far sfumare con il vino bianco, quando il vino è evaporato, aggiungere il pomodoro, sale, pepe e rosmarino, lasciarlo sul fuoco per una mezz'ora circa. Quando poi si è raffreddato aggiungere il formaggio e la mozzarella.

A questo punto prepariamo l'impasto per la pasta BRIOCHES DOLCESALE, ci servirà quindi:

250 g di farina
125 g di latte
5 g di malto
6 g di lievito di birra disidratato
20 g di zucchero
5 g di sale
50 g di tuorli
50 g di burro

Sciogliere il lievito nel latte assieme allo zucchero, versarli sulla farina ed il malto ed iniziare ad impastare, aggiungere gradualmente i tuorli, il burro ammorbidito ed il sale; impastare bene fino a che il tutto diventa elastico e omogeneo. Far riposare coperto per 20 minuti circa.
Ecco l'impasto prima e dopo il riposo:

A questo punto formare delle piccole palline, appiattirle tra le mani, mettere al centro un po' di ripieno, richiuderle e porle sulla teglia ricoperta da carta da forno con la chiusura rivolta verso il basso, lasciarle lievitare fino al raddoppio.

Quando sono lievitate metterle nel forno già caldo a 190° per 20 minuti circa. Per renderle lucide, prima di infornarle si può pennellarle con un composto fatto amalgamando la stessa quantità di uova e panna.

Ecco il risultato, sono davvero ottime e si mantengono per un paio di giorni molto morbide, prima di consumarle vale la pena farle intiepidire nel forno oppure un attimino in una padella antiaderente facendole scaldare alcuni secondi per lato. Buon appetito!!!

lunedì 8 febbraio 2010

TORTA ALL'ARANCIA E CIOCCOLATO



Eccomi qua pronta per partecipare a questo 1° Contest 2010 "..... da lEccarSi le dita!" con questa buona torta cremosa che credo ne sia all'altezza; per ora l'ho fatta due volte e tutte due le volte mi hanno detto che l'avevo fatta troppo piccola, tutti volevano il tris! Spero che questo mi porti bene.



Questo dolce è composto da vari strati, è un po' laborioso ma comunque abbastanza semplice, abbiamo come base un BISCOTTO FINANZIERE dove verrà spalmata la COMPOSTA DI ARANCIA, poi avremo uno strato di CHIBOUSTE AL CIOCCOLATO e per concludere la CHIBOUSTE ALL'ARANCIA. Questa ricetta l'ho presa dal libro "Golosi di salute" e le ho fatto alcune piccole modifiche:

BISCOTTO FINANZIERE

125 g di farina di mandorle
100 g di zucchero a velo
12 g di maizena
2 g di lievito
180 g di albumi
15 g di olio di riso
30 g di acqua
50 g di cioccolato fondente
180 g di uvetta ammollata in acqua tiepida


COMPOSTA DI ARANCIA

500 g di arance biologiche
15 g di olio evo
150 g di zucchero di canna
40 g di miele
5 g di maizena
80 g di succo d'arancia

CHIBOUSTE AL CIOCCOLATO


200 g di albumi
110 g di zucchero
200 g di latte
80 g di tuorli
15 g di maizena
8 g di colla di pesce
250 g di cioccolato fondente

CHIBOUSTE ALL'ARANCIA

125 g di tuorli
179 g di zucchero semolato
30 g di maizena
200 g di succo d'arancia
8 g di colla di pesce
15 g di olio evo
175 g di albumi
la scorza grattuggiata di 1 arancia


Iniziamo la preparazione con la COMPOSTA: lavare le arance e farle bollire per 50 minuti circa, poi tagliarle a pezzetti e metterle in un pentolino con l'olio, il miele e lo zucchero. Cuocere a fuoco lento fino a che non diventerà densa, nel frattempo far sciogliere la maizena nel succo d'arancia, a questo punto versare il succo e tenere sul fuoco ancora qualche minuto.
Continuiamo quindi con il BISCOTTO FINANZIERE: riscaldare il forno a 180°; mettere nella ciotola della planetaria la farina di mandorle, lo zucchero a velo, il lievito e la maizena e miscelare il tutto con la foglia, versare quindi a filo gli albumi, l'acqua e l'olio, far girare ancora e per ultimo aggiungere il cioccolato fuso ancora caldo. Stendere su carta da forno oliata ed infarinata della forma desiderata e cospargere con l'uvetta, infornare per 15 minuti.
Procediamo quindi con la CHIBOUSTE AL CIOCCOLATO: per prima cosa far ammorbidire in acqua la colla di pesce, quindi miscelare i tuorli con 25 g di zucchero e la maizena unire quindi il latte bollente e continuare la cottura per alcuni minuti, fino a che non inizia ad addensarsi, unire quindi il cioccolato a pezzetti e la colla di pesce. Scaldare in un pentolino gli albumi con il restante zucchero fino a portarli ad una temperatura di 70°, a questo punto spostarli velocemente nella planetaria e montarli ad alta velocità, unire quindi i due composti molto delicatamente.
Per finire la CHIBOUSTE ALL'ARANCIA: anche qui per prima cosa ammollare la colla di pesce. Miscelare i tuorli con 35 g di zucchero e la maizena, unire quindi il succo d'arancia bollente e lasciare sul fuoco questa crema fino a che non inizia ad addensarsi, togliere dal fuoco, aggiungere la colla di pesce, l'olio e la scorza d'arancia. preparare gli albumi come nella chibouste al cioccolato e poi unire i due composti delicatamente come prima.
Ora è il momento di comporre il dolce, in una tortiera oppure in un piatto con un anello d'acciaio mettere sul fondo il biscotto finanziere, spalmare sopra uno strato di composta di arance, poi la chibouste al cioccolato, livellare il tutto e poi con la tasca da pasticcere munita di bocchetta liscia comporre l'ultimo strato. Mettere quindi in frigo a solidificare per 3 ore almeno, oppure in congelatore. Prima di servirla spolverizzare con del buon cacao.


Con questa cremosità partecipo al contest "..... da lEccarSi le dita!"

giovedì 4 febbraio 2010

ESPERIMENTO RIUSCITO . . I BOMBOLONI ALLA CREMA




Era da un po' di giorni che ci pensavo ed ora eccoli qua, la ricetta l'ho presa sempre dal libro CROISSANT E BISCOTTI di Luca Montersino e Roberto Sammartini, un libro secondo me veramente valido, come anche gli altri degli stessi autori.


INGREDIENTI:
600 g di farina
150 g di zucchero
435 g di uova
150 g di burro
1 bustina di lievito di birra disidratato
un pizzico di sale
la scorza grattuggiata di 1 limone

Mettere nella planetaria farina, zucchero, lievito, aromi e metà delle uova, avviare la macchina e quando il tutto inizia ad impastarsi aggiungere il resto delle uova. Impastare per 5 minuti circa e quando la pasta diventa elastica aggiungere anche il burro ed il sale. Continuare ad impastare fino a che il tutto risulta lucido ed omogeneo. A questo punto lasciare in frigo per un 'ora circa. Ecco come è l'impasto prima e dopo il riposo

Ora formare delle piccole palline e metterle su un piano infarinato a lievitare in luogo caldo per 1 ora e mezza circa ed ecco anche queste prima e dopo:


A questo punto friggerli 2 o 3 alla volta in abbondante olio caldo e dopo averli asciugati con carta assorbente passarli nello zucchero semolato. Farcirli come si preferisce, io questa volta li ho riempiti con della semplice crema pasticcera.

martedì 2 febbraio 2010

. . . ANCORA FRITTELLE !!!!!

Ormai manca poco alla fine del carnevale ed ho ancora varie ricette da sperimentare per cui devo proprio sbrigarmi! Per oggi ho fatto questa che è una già collaudata con successo, facile e veloce che dà sempre soddisfazione.

FRITTELLE DI MELE, UVETTA E PINOLI



500 g di farina
3 uova
3 cucchiai colmi di zucchero
la buccia grattuggiata di 1 arancia e 1 limone
1 bicchierino di rum
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito
250 ml di vino bianco
4 mele grattuggiate
250 g di uvetta ammollata
100 g di pinoli

Il procedimento è semplicissimo: basta amalgamare il tutto, friggerlo poi a cucchiaiate nell'olio bollente e passarle nello zucchero, se si preferisce cospargerle invece di zucchero a velo.
L'impasto dovrebbe avere questo aspetto: