domenica 31 gennaio 2010

...E PER DOLCE... IL GELATO !!!


Finalmente sono riuscita a fare un gelato mangiabile!!! E' da parecchi anni che ho la gelatiera, ma ormai non la usavo più da tanto tempo perchè mi ero stancata di fare un gelato che puntualmente andava quasi tutto buttato perchè nessuno lo mangiava, questa volta dopo aver visto "La prova del cuoco" mi sono detta, ci riprovo, ed il risultato è stato abbastanza soddisfaciente. Già un po' di tempo fa avevo preso la farina di semi di carruba proprio per fare un altro tentativo, visto che sempre in quella trasmissione avevano detto che questa è ottima come addensante per il gelato. Ecco come ho fatto:

Portare quasi ad ebollizione 250 g di LATTE con 160 g di PANNA, a questo punto togliere dal fuoco e versare a pioggia 160 g di ZUCCHERO e 1 punta di cucchiaio di FARINA DI SEMI DI CARRUBA. Emulsionare quindi il tutto con un mixer a immersione e mettere in frigorifero per un paio d'ore. Intanto spezzettare 60 g circa di TORRONE. Versare quindi nella gelatiera e quando il gelato è quasi pronto versare il torrone. Dopo aver messo nelle coppette, per esagerare, ho messo sopra un po' di pasta di nocciole.

PIATTO TIROLESE

Questo è un piatto tipico dell'Alto Adige che quando andiamo in vacanza mangiamo sempre, è facile e veloce da preparare, anche se ci vuole un apposito attrezzo per preparare questi particolari gnocchetti, questa volta li ho preparati con gli spinaci ma si possono fare in diversi modi. Le dosi sono per 4 persone.


SPATZLE DI SPINACI ALLO SPECK

INGREDIENTI:
160g di spinaci già lessati e strizzati
2 uova
120g di acqua
250g di farina
sale

Il procedimento è molto semplice, bisogna solamente amalgamare tutti gli ingredienti, io ad esempio ho preparato l'impasto con un mixer, deve risultare un composto uniforme e non troppo denso, purtroppo non mi sono ricordata di fare una foto prima di cuocerli! Portare ad ebollizione in una larga pentola l'acqua salata e con l'apposito attrezzo versarli nell'acqua; come tutti gli gnocchi sono cotti quando vengono a galla.
Qui li ho conditi con panna e speck, poichè tendono ad asciugarsi abbastanza in fretta ho preparato prima il sughetto diluendo la panna da cucina con un po' di latte e aggiunto lo speck e man mano che li scolavo ne versavo un po' sopra così non si asciugavano.
Ecco anche la foto dell'attrezzo:

giovedì 28 gennaio 2010

UNA ZUPPETTA CALDA PER SCALDARCI !!!

In questi giorni così freddi e ventosi ci viene più voglia di scaldarci con una buona zuppetta ristoratrice, quando girovagando tra blog ho visto questa ho subito deciso di provarla.
L'ho presa dal sito "Il Cavoletto di Bruxelles", l'ho leggermente modificata perchè mi mancava qualche ingrediente ed eccola qui:


1 broccolo romanesco
2 patate medie
1 cipolla tritata finemente
brodo vegetale
2 fette di pane

Sbucciare, lavare e tagliare a piccoli pezzi le patate, far soffriggere la cipolla e poi aggiungere le patate; nel frattempo pulire e dividere a cimette il broccolo. Aggiungere quindi quest'ultime e lasciare sul fuoco ancora per qualche minuto, dopodichè coprire con il brodo e lasciar cucinare fino a che sia le patate che il broccolo risultano teneri.
A questo punto frullare il tutto fino ad ottenere una crema.
Far tostare il pane tagliato a cubetti ed aggiungerlo nei piatti prima di servire aggiungendo un filo d'olio, sale e pepe. Sono stati aggiunti anche delle cimette e dei gamberoni cotti a vapore.
Buon appetito!

mercoledì 27 gennaio 2010

.....STUZZICANTI .....STUZZICHINI....


Eccovi qua due finger food che avevo preparato per capodanno, semplici, veloci e davvero gustosi, uno l'ho tratto dalla rivista "Sale & Pepe", l'altro è nato un po' per caso, con quello che mi ispirava in quel momento. In primo piano ci sono dei

FAGOTTINI DI PASTA PHILLO ripieni semplicemente di caprino amalgamato con dei pezzetti di pera e cotti al forno fino a doratura.
In secondo piano invece

ROSTI DI LENTICCHIE ROSSE CON CAPESANTE:

mezza patata
50 g di lenticchie rosse
1 tuorlo piccolo
4 capesante
4 fette di speck
sale, pepe

Far lessare la patata e nel frattempo cucinare le lentichie rosse facendole prima soffriggere con dello scalogno e poi coprendole con del brodo; dovranno comunque rimanere abbastanza al dente. Schiacciare la patata lessata ed amalgamarla assieme alle lenticchie ed all'uovo, aggiungere poi sale e pepe.
A questo punto far scaldare una noce di burro e cucinare questo composto a cucchiaiate appiattendole un pochino con il cucchiaio, rosolare quindi da entrambi i lati. Avvolgere le capesante con lo speck e rosolare anche queste in padella, adagiarle quindi sui piccoli rosti di patate e lenticchie. Devo dire che è un abbinamento veramente azzeccato, due sapori che stanno veramente bene assieme, magari accompagnate con delle buone bollicine!!!

martedì 26 gennaio 2010

TORTA SALATA AL MICROONDE


Avevo degli avanzini in frigo e un pranzo veloce da preparare, ecco il risultato, una sfoglia salata alle zucchi ne e prosciutto.
Le quantità degli ingredienti sono un po' approssimative perchè erano ciò che avevo in quel momento:

1 rotolo di pasta sfoglia
5 zucchine
150 g circa di ricotta cremosa
2 cucchiai di grana grattuggiato
1 sottiletta
70 g circa di prosciutto cotto

Ho cucinato le zucchine in padella con poco olio, quando erano cotte ma ancora sode ho spento il gas ed ho aggiunto la ricotta, il grana, il prosciutto sbriciolato un pizzico di sale e pepe.
A questo punto ho fatto scaldare per 1 minuto il piatto CRISP del microonde, spolverizzato di pane grattuggiato, adagiato un pezzo di pasta sfoglia, versato il composto preparato e spezzettato sopra la sottiletta.
Rimesso poi in forno per 8 minuti.
Il risultato è stato gradito, la sfoglia era friabilissima ed il ripieno morbido ed abbrustolito sopra.

venerdì 22 gennaio 2010

CHI PREFERISCE LE FRITTELLE?

Personalmente mi attirano di più le frittelle, anche se non disdegno nemmeno i crostoli, e ogni anno cerco di sperimentare qualcosa di nuovo, questo è il risultato del primo esperimento di quest'anno:

Per questa strepitosa ricetta ho preso spunto da un libro veramente bellissimo che si intitola "CROISSANT E BISCOTTI":

far scaldare 300 g di ACQUA con 45 g di BURRO e 30 g di ZUCCHERO, quando inizia a bollire aggiungere 210 g di FARINA ; a questo punto mescolare energicamente fino a che non si forma una palla.
Ora togliere dal fuoco ed aggiungere una alla volta 5 UOVA, 105 g di FARINA , 15 g di RUM e la scorza grattuggiata di 1/2 arancio e 1/2 limone.
A questo punto friggere a cucchiaiate in abbondante olio caldo e far sgocciolare su una gratella o su carta assorbente.
Io le ho farcite con della crema zabajone e spolverizzate di zucchero a velo, però si possono farcire anche con della chantilly o della marmellata, per i più golosi si può provare anche con una crema gianduia.
Direi che il risultato è stato gradito da tutti, sono sparite in men che non si dica!!!

giovedì 21 gennaio 2010

. . . ED ORA L'ALTRA VERSIONE . . . MA SEMPRE CROSTOLI . . .





Ecco qua invece ingredienti e procedimento per quelli più spessi e croccanti:

250 g latte
3 uova
sale
5 cucchiai di zucchero
1 bicchierino di rum
50 g di burro
1 cubetto di lievito
2 bustine di vanilina
q.b. di farina (1 Kg circa)
la buccia di 2 limoni e 1 arancia

Impastare tutti gli ingredienti, lasciare riposare un po' e poi tirarli con il tirapasta non molto sottili. Friggerli, passarli su carta assorbente e spolverizzarli con lo zucchero semolato.









Buona mangiata a tutti ...............

ED ECCOLI CHE ARRIVANO . . . I PRIMI CROSTOLI




Dunque dunque, ormai è arrivata l'ora di iniziare a friggere!!!!!
Ed eccoli qua, i primi crostoli del 2010, c'è chi li preferisce sottili e friabili, e chi invece più grossetti e croccanti, ecco qua le due versioni.






Ecco la preparazione e gli ingredienti di quelli più sottili:

5 uova
70 g zucchero
1 bicchierino di rum
60 g burro
sale
la scorza grattuggiata di 2 limoni e 1 arancia
farina q.b. circa 800 g

Impastare il tutto e lasciare riposare un'oretta circa, la pasta era così:

Tirarli poi con il tirapasta molto sottili e friggerli in abbondante olio caldo.
Scolarli su carta assorbente e spolverizzarli di zucchero a velo.




lunedì 18 gennaio 2010

MUFFIN PESTO E POMODORINI




Anche se sono profumi tipicamente estivi, sono buoni da gustare anche adesso. Come tutti i muffin sono, secondo me, abbastanza semplici e rapidi nell'esecuzione:
la regola di base è quella di amalgamare tra di loro in un recipiente tutti gli ingredienti secchi, e in un altro contenitore tutti gli ingredienti "umidi", fatto questo unire i due composti mescolando il meno possibile. Mettere negli appositi pirottini ed infornare. Una volta cotti farli raffreddare su una gratella.
Ed ecco qui gli ingredienti:

115 g di farina
5 g di lievito per torte salate
2 cucchiai di parmigiano grattuggiato
sale
pepe

Amlgamare assieme questi ingredienti.

In un altro contenitore amalgamare invece:

1 uovo
150 g di ricotta
2 cucchiai di pesto alla genovese
yogurt bianco
pomodorini a piacere

Infine unire i due composti aggiungendo tanto yogurt quanto basta perchè risulti un impasto omogeneo.
A questo punto si può scegliere se aggiungere anche i pomodorini tagliati a tocchetti, oppure mettere nei pirottini e decorare con una fettina di pomodorino.
Questa seconda opzione secondo me, avendole provate tutte due, è la migliore perchè se amalgamati assieme all'impasto i pomodorini rilasciano troppo liquido e rischiano di rovinare i muffin. Se si fanno dei muffin di grandezza normale (ne vengono circa 8) si infornano a 180° per 20 minuti circa, nel caso di minimuffin come quelli in foto (ne vengono circa 40) bastano 10 minuti scarsi, sempre valida la prova stecchino:)

domenica 17 gennaio 2010

GNOCCHI . . . GNOCCHI . . GNOCCHI

Ci piacciono moltissimo ma non li facciamo mai, stasera abbiamo deciso visto che avevo anche un po' di ragù in frigo, ed eccoli qua:





















1 Kg di patate, 250 g circa di farina, sale.

La preparazione è la solita, far lessare le patate, schiacciarle con lo schiacciapatate e amalgamarle alla farina fino ad arrivare alla giusta consistenza.
Formare gli gnocchi, farli lessare e condirli secondo i gusti.
Con questa dose sono venuti circa Kg 1 di gnocchi.
Buona notte a tutti!!!

giovedì 14 gennaio 2010

E ADESSO UN PRIMO

Avevo in frigo delle seppioline e delle code di gambero e mi era avanzata anche della pasta al nero di seppia, così mi è venuta questa idea:




Ecco qua delle lasagne di pesce al nero di seppia: ho fatto lessare le lasagne in acqua salata perché le avevo fatte già da qualche giorno e si erano seccate, ho poi preparato un sughetto rosso con seppioline e gamberoni.
La pasta delle lasagne è fatta con le solite dosi della pasta fresca (io metto un uovo per 150g di farina e un po' di acqua) con aggiunta una bustina di nero di seppia.
Il sughetto l'ho preparato facendo un soffritto, poi la polpa di pomodoro, poi le seppioline e dopo 10 minuti circa le code di gambero.
Il risultato è stato abbastanza soddisfacente, la prossima volta però devo provare a tagliare le seppioline e i gamberi a pezzettini, penso vengano meglio! Buon appetito!

VARIANTE TORTA CREMOSA



Ecco qua una variante, ero a corto di noccioline così ho pensato di fare come base una pasta biscotto al cacao, l'abbinamento è stato azzeccato, tutti hanno apprezzato. La ricetta della pasta biscotto è la seguente:

4 uova
1 tuorlo
120 g di zucchero
80 g di farina
40 g di cacao
1/2 bustina di lievito
sale
vanilina

La procedura è la solita, montare moltissimo le uova assieme al tuorlo e lo zucchero, aggiungere poi mescolando delicatamente cacao farina e lievito setacciati assieme al sale e alla vanilina.
Infornare a 180° per 8 minuti.




L'interno è la stessa bavarese alla nocciola che ho già descritto nel post della mia torta di compleanno.

martedì 12 gennaio 2010

E OGGI ... CHE SI FA?

Un piccolo antipasto che si può trasformare in un primo piatto aumentando un po' le dosi, eccolo qua, già sperimentato con successo:


E' una semplice vellutata di zucca un po' densa, l'ho fatta frullando la zucca cotta a vapore con un po' di brodo vegetale; l'ho accompagnata con del riso venere e un gamberone cotto alla piastra.

lunedì 11 gennaio 2010

LA MIA TORTA DI COMPLEANNO


Il mio compleanno cade proprio nel periodo più "mangereccio" e impegnativo dell'anno, il 30 dicembre, così cerco sempre di preparare in anticipo almeno il dolce. Quest'anno ho scelto una sorta di bavarese alla nocciola che ho preparato alcuni giorni prima e riposto in congelatore. La ricetta l'ho presa dal libro "TIRAMISU E CHANTILLY" e modificata in alcune sue parti.
Sopra e sotto ci sono due dischi di dacquoise alle nocciole:

133 g di albumi
83 g di zucchero
125 g di nocciole tritate finemente
91 g di zucchero
33 g di farina di riso

Montare gli albumi con la prima parte dello zucchero, aggiungere poi le nocciole miscelate con la seconda parte dello zucchero e la farina di riso amalgamando il tutto con delicatezza. Stendere della grandezza desiderata su della carta da forno e cuocere a 180° per 10 minuti circa.
Forse è meglio infarinare leggernente la carta perchè dopo cotto tende a rimanere un po' attaccato.

per l'interno invece:
58 g tuorli
113 g zucchero
33 g acqua
7 g colla di pesce
50 g pasta di nocciole
500 g panna montata
250 g di yogurt alla nocciola
q.b. di panna montata per decorare e ricoprire a piacere

Far scaldare l'acqua con lo zucchero fino a farli arrivare a 120° e unirli ai tuorli che stanno montando. Prima che si raffreddino aggiungere la colla di pesce ammollata precedentemente in acqua fredda. Unire poi lo yogurt e la pasta di nocciole; per ultima, delicatamente, la panna montata. Comporre quindi la torta mettendo in uno stampo d'acciaio. Decorare a piacere, io ho scelto di ricoprirla di panna, visto che era per un compleanno, ma si può anche semplicemente spolverizzarla di zucchero a velo o cacao.
E' piaciuta molto a tutti tant'è che l'ho già fatta una seconda volta.

sabato 9 gennaio 2010

I TRONCHETTI DOLCI DI NATALE




Quest'anno ne ho prodotti parecchi, per fortuna non erano tutti per me!!! Sono venuti abbastanza bene e mi hanno detto che erano anche buoni! Sono fatti semplicemente con una pasta biscotto, alcuni al cacao farciti con panna alla vaniglia e scaglie al cioccolato, altri normali farciti con panna alla crema di marroni!

I REGALINI DI NATALE (in ritardo)





Eccoli qua, come ogni anno mi piace preparare con le mie mani i piccoli pensierini per amici e parenti, questi sono quelli di quest'anno! Piccoli panettoni casalinghi e crema gianduia con i cucchiaini di frolla da intingere!!

I PANETTONI del 2009


Anche quest'anno ci ho provato e devo dire che per la prima volta posso essere abbastanza soddisfatta. La ricetta l'ho presa dal blog "Profumo di lievito", il profumo che ha invaso la casa durante la cottura ci ha fatto proprio venire l'acquolina in bocca!